FLYER PATRIZIA DIAMANTE.pdf
Documento Adobe Acrobat 775.2 KB

Come definire l’artista Patrizia Diamante, senza dimenticare il suo pseudonimo col quale regge uno dei blog più divertenti d’Italia? A volte con lei sembra di avere tra le mani un gioco: come una spirale che gira e mostra tutti i suoi travestimenti, ed ha bisogno solo che tu ne ricarichi la molla producendo quel suono ipnotico che appartiene alle categorie dei carillon, dei cricchetti per chiave inglese, di alcuni antichi orologi. Ma P (oggi la chiamo anche così) non finisce mai la carica. Vai lì a chiedere di un quadro e  ti ritrovi davanti prima una serissima artista che di parla di tecnica, poi una vecchietta del 2030 che ti racconta come faceva le manifestazioni degli anni ’70, e quindi una signora con un turbante ed ai piedi delle pinne che si offre di leggerti la mano. Altro che zen, questo è meglio dello zenzero.
A volte sospetto che P sia un androide esageratamente sofisticato, altre volte penso che sia la reincarnazione di Harpo Marx e la incito fortemente a non essere ansiosa, a non vivere di corsa, a non stare troppo in disparte, a non mangiare tutta la cioccolata, come spesso tendiamo a fare noi donne creative non solo di prole.
Ho conosciuto la Diamante nel momento in cui lei stessa era già consapevolmente un’opera d’arte. Se ne stava accanto ad una fotocopiatrice con una minigonna vertiginosa a pois, assieme ad un altro mail-artista, Ennio Carbone, ed allora non mi venne in mente che potessero essere l’uno la trasmutazione chimica dell’altro. Non ho ben chiaro cosa facessero, stavano allestendo una mostra, facevano la fotocopia in movimento di una lucertola, forse di un geco, o di un dinosauro. Era forse il 1986. Erano comunque gli anni in cui la mail art spediva messaggi di libertà e di abbattimento delle frontiere.
Lei era già una di quelle che i figli le dicono “mamma, come sei avaanti!”, controcorrente, burlona e metamorfica come un colore cangiante. Faceva già di tutto: scriveva anche, ed era clownesse quando l’ambiente o la causa l’ispiravano,...un vulcano. In effetti quella di un vulcano in eruzione fu la prima sua tela che vidi ad una sua mostra a Bologna, qualche anno dopo.
“Volate col dirigibile Kropotkin” è stato il titolo della sua seconda mostra che vidi poi, a Firenze. Ricordo che allora mentre guardavo di sottecchi un quadro questo cadde, senza farsi nulla. In effetti l’arte di P sta stretta in due dimensioni, è più a tutto tondo. Comunque io in quanto poeta venni colta non solo dalla consapevolezza della mia fantozziana ignoranza in tema di pittura ma anche da inquietanti sospetti. Certi schizzi infatti, certe tele, mi sembravano essere pronte per diventare bassorilievi mentre le guardavo, e poi sculture non appena avessi girato le spalle, e quindi, veloci al passaggio si una nuvola, andarsene.
Altre volte ero più che altro intimorita: dopo aver messo a soqquadro mezzo mondo all’improvviso P se ne stava lì, seduta, e sembrava che mi vedesse anche dandomi le spalle. P sarebbe capace di cogliere in un attimo me stessa, giocando d’azzardo come una sibilla e spietata come una Medusa.
Altre volte P, col suo tratto morbido, ispira dolcezza: vedo le sue mani, sta cercando nella borsa il cellulare che squilla e tenta di acchiapparlo come fosse una trota. Immagino mentre dipinge le sue mani piccole, bianche, che si muovono leggere come dotate di una vita propria, sembrano di porcellana, vagano come mosse da una calamita, quasi fossero impiegate da una medium in una seduta di tele-lettura dei primi del Novecento. Questa capacità e questa forza magnetica sono un mistero per noi poete che tentiamo invece di cogliere il reale con le parole, spesso sudate, scritte ai margini di un libro, nella mente di un corpo affaticato o sulla lista della spesa, scarabocchi, vento che fa risuonare una bottiglia.
La forza di una donna che dipinge come P è la stessa di Bacon, che ha fatto rivivere i ritratti di Dorian Gray, o quella di Giotto che disegna il cerchio perfetto, di una calla disegnata dalla Lempicka, di una sigaretta fumata dalla Dietrich, di un tacco a spillo calzato da Madonna (scusate se sto esagerando, l’idea era buona ma si è guastata tra gli appunti, cosa che depone di nuovo a sfavore dei poeti!) La forza di uomini e donne che ancora scommettono col futuro e lavorano per esso, in questi secoli che sembrano sempre essere gli ultimi.
Francesca Palazzi Arduini, detta Dada, datata lunedì10 novembre 2008.

ATELIER DIAMANTE
ATELIER DIAMANTE
NEWS! Federico e Giulietta oil on canvas 50 x 50
NEWS! Federico e Giulietta oil on canvas 50 x 50
Mischia di rugby, olio su tela 1 mt. x 80
Mischia di rugby, olio su tela 1 mt. x 80
Martin Castrogiovanni scatenato, olio su tela 1 mt. x 80
Martin Castrogiovanni scatenato, olio su tela 1 mt. x 80
Ritratto di giovane signora siciliana, grafite su carta 2017
Ritratto di giovane signora siciliana, grafite su carta 2017
ritratto di mio figlio, * my son's portrait, 2017
ritratto di mio figlio, * my son's portrait, 2017
Eclissi di Rugby, olio su tela 50 x 70. 2016
Eclissi di Rugby, olio su tela 50 x 70. 2016
Edith Piaf, la France. Winner first prize, oil on canvas 2016
Edith Piaf, la France. Winner first prize, oil on canvas 2016
Raffaella, olio su tela. 2015
Raffaella, olio su tela. 2015
Michela, disegno su carta, tecnica mista. 2016
Michela, disegno su carta, tecnica mista. 2016
Marco, ritratto a carboncino 2017
Marco, ritratto a carboncino 2017
Michela Sburlati vestita per la Tosca, olio su tela 2008
Michela Sburlati vestita per la Tosca, olio su tela 2008
Piccolo ritratto, matita su carta. 2016
Piccolo ritratto, matita su carta. 2016
Napalm Janis, acrilico e olio su tela. 1991
Napalm Janis, acrilico e olio su tela. 1991
Ragazzo con il flauto - olio su tela. 2013
Ragazzo con il flauto - olio su tela. 2013
Asciolla disegno fusaggine
Asciolla disegno fusaggine
Sun & Bread - pastelli e pennarelli su carta
Sun & Bread - pastelli e pennarelli su carta
Stemma di Modigliana per gadget turistico, acrilici su cartoncino
Stemma di Modigliana per gadget turistico, acrilici su cartoncino
Rocca dei Conti Guidi, notturno. Olio su tela 50 x 70. 2016
Rocca dei Conti Guidi, notturno. Olio su tela 50 x 70. 2016
Strada del Trebbio, olio su tela 90 x 60. 2017
Strada del Trebbio, olio su tela 90 x 60. 2017
Alessandro Asciolla, olio su tela, 60 x 50. 2016
Alessandro Asciolla, olio su tela, 60 x 50. 2016
Borgo della Sorghina, olio su tela. 35 x 50. 2015
Borgo della Sorghina, olio su tela. 35 x 50. 2015
Carpa Koi hippy
Carpa Koi hippy
particolare dipinto olio - la cagnolina
particolare dipinto olio - la cagnolina
Violet snail, olio su legno telato. 2015
Violet snail, olio su legno telato. 2015
Pettirosso nella neve - olio su tela. 2013
Pettirosso nella neve - olio su tela. 2013
Gallo romagnolo, vignetta
Gallo romagnolo, vignetta
Ciottolo pettirosso - acrilici su sasso
Ciottolo pettirosso - acrilici su sasso
Farfalla - acrilici su piattino in legno
Farfalla - acrilici su piattino in legno
Farfalla - acrilici su piattino in legno
Farfalla - acrilici su piattino in legno
Vulcano, autoritratto interiore - olio su tela
Vulcano, autoritratto interiore - olio su tela
Bakunin dell'eclissi
Bakunin dell'eclissi
Bakunin dell'eclissi, seconda versione.
Bakunin dell'eclissi, seconda versione.
Nativa americana, carboncino su carta. 1994
Nativa americana, carboncino su carta. 1994
Rifaccia la Roccaccia - elaborato grafico
Rifaccia la Roccaccia - elaborato grafico
Ciottolo serpente - acrilici su sasso
Ciottolo serpente - acrilici su sasso
Ritratto di Bjork - matita su carta
Ritratto di Bjork - matita su carta
Bambina marocchina, 2002
Bambina marocchina, 2002
Ritratto di bambino con draghetti - pastelli su carta
Ritratto di bambino con draghetti - pastelli su carta
Ritratto di bambina - carboncino su carta
Ritratto di bambina - carboncino su carta
Ritratto di ragazzo - pastelli su carta
Ritratto di ragazzo - pastelli su carta
Ritratto di ragazza con i piercing, olio su tela. 2016
Ritratto di ragazza con i piercing, olio su tela. 2016
Paesaggio tropicale - olio su tela, particolare
Paesaggio tropicale - olio su tela, particolare
Natura morta con bilancia - olio su tela. 2015
Natura morta con bilancia - olio su tela. 2015
Natura morta contro panno decorato - olio su tela. 2002
Natura morta contro panno decorato - olio su tela. 2002
Marina bretone - olio su tela. 2008
Marina bretone - olio su tela. 2008